Fabrizio Tavernelli


Acid Folk Alleanza “Fumana Mandala” Dischi del Mulo/C.P.I/Phonogram 1994

Posted in - Acid Folk Alleanza / AFA by Taver on the October 5th, 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.fabriziotavernelli.com/home/content/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

fumana.jpgUna volta, si dice, eravamo più poveri, ma si cantava. Oggi siamo più ricchi, ma si suona. Non va così male, in fin dei conti. Gli addetti alla consolazione lavorano a tempo pieno. Qua e là, tra le vigne, Mercatoni ed ipermercati, urlatrici televisive che strillano alla folla dei ciccioni nell’era della globesity. in un qualche parcheggio una qualche Giovanna Daffini con la chitarraccia scordata, il piattino e l’ampli alla cintura, a guardare i figli delle stalle affacendarsi negli scambi: progetti e programmi, e una gita-viaggio-cena a Semeraro. Lei, che non si assicura neanche il pane, e Loro, che assicurano anche il cane. Cantori, santoni e venditori, amuleti e fatture (da pagare), dosi, intrugli, pozioni, Gesù, Voodoo, Hatù. Domeniche bestiali, Tensione all’insoluto. E’ la pianura distorta degli AFA, chitarracce, effettistica di altri tempi, batterie in 4/4 come un motore a scoppio, arrangiamenti bandistici per un’orchestra di Kolossal a budget-zero, fiati iperbolici degni di cause più degne. “Fumana Mandala” è musica per un rituale denso: la fumana, la nebbia, il fumo, lo smog, la nube tossica, l’immaginario collettivo ha di che nascondersi nella simbologia dell’avvolgente, l’Uomo invisibile è finalmente realizzato: qua l’impalpabile consiste. Non sembri forzoso il paragone tra AFA e Giovanna Daffini; li divide, è ovvio, la pratica di vita, la scuola dell’obbligo, il Servizio Sanitario Nazionale, l’accesso ai consumi, tutto quello che galleggia nella manciata di anni che li separa anagraficamente. li lega una continuità geografica (10 Km di intasate strade comunali) fatta di pioppi e di suini, inquietanti villette a schiera e rovine rurali. Li lega una contiguità di preoccupazioni: il nuovo che avanza, il vecchio che rimane, la peste della destra, la picolezza dell’Immenso Carname di fronte alla storia e all’Aquafun di Riccione. Li lega una contiguità metereologica fatta di vapore in sospensione e calure che piegano e ti fanno bollire i polpacci. “Aria stagnante, per niente ventilato” sentite cosa dicono questi poveri stremati. Disco andato in fumo come un mandala.

TRACKLIST & TESTI>

1- …e povero papà niente

2- afaAFA testo.doc

3- moderno primitivoMODERNO PRIMITIVO.doc

4- un anno d’amoreUN ANNO D.doc

5- figli delle stalleFIGLI DELLE STALLE.doc

6- a.i.d.n.AIDN.doc

7- la notte dei partigiani viventiLA NOTTE DEI PARTIGIANI VIVENTI.doc

8- il complesso del maledettoIL COMPLESSO DEL MALEDETTO.doc

9- lilly e il vagabondoLILLY E IL VAGABONDO.doc

10- aquafuckAQUAFUCK.doc

11- discorsi buffiDISCORSI BUFFI.doc

12- nebbiaNEBBIA.doc

WordPress database error: [Table 'Sql98939_1.Sql98939_comments' doesn't exist]
SELECT * FROM Sql98939_comments WHERE comment_post_ID = '103' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.