Fabrizio Tavernelli


Recensione “Fantacoscienza” su JustKidsmagazine

Posted in progetti musicali, recensioni, Nuove, Fabrizio Tavernelli by Taver on the June 23rd, 2017

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.fabriziotavernelli.com/home/content/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

Dopo più di un anno dalla sua uscita escono ancora recensioni di “Fantacoscienza”. Questa ultima di Gustavo Tagliaferri è poi particolarmente dettagliata, competente, empatica, profonda, direi (psico)analitica. Rivela un ascolto e un codice di ingresso per muoversi dentro l’album e dentro se stessi. Un viaggio nello spazio che in verità è tutto interiore. Un viaggio e un percorso lungo e difficile il mio ma che mi regala piccoli colpi al cuore. Grazie Gustavo ! Se volete aggiungervi al viaggio ricordo che l’album è ancora disponibile : distribuzione nazionale Audioglobe, in rete su Amazon, Deezer, Spotify, iTunes. Nei negozi (Tosi Dischi Reggio, Bar46 e Ponti Musica Novellara, il Cercalibro Modena, Aleph Carpi, Libreria Moby Dick e Muzik Station Correggio). Naturalmente anche direttamente dal sottoscritto (scrivetemi nella camera di deprivazione sensoriale di Messenger).
“Ancora una volta, le JustKidsate del giovedì.
Una penna d’autore, ma anche dalla caratura rock, se non occhieggiante ad una concezione di pop oggigiorno non particolarmente in voga. Un cane sciolto, uno dei tanti da non sottovalutare emersi nei decenni recenti, pur con un anno e poco più di distanza dall’uscita in esame. Già deus ex machina degli immensi Acid Folk Alleanza, Fabrizio Tavernelli, anche ad un anno di distanza, con la sua “Fantacoscienza” colpisce pienamente nel segno, coadiuvando sonorità rilassate ed affascinanti (la titletrack, “Infinite Combinazioni”) a tritoli sonori man mano sempre più incisivi (”Fauni”, “Distorta Gestalt”), ma non si esime dal tentare l’impossibile dagli espedienti apparentemente banali, eppure funzionanti (”Antroapologia”, “Il Tradimento”, “Flauto Dolce”). Qualcuno, altrove, lo ha definito un cantaUFOre. Torto non ha: Tavernelli, anche da solista, merita molta più considerazione.”
http://www.justkidsmagazine.it/2017/06/22/recensione-fabrizio-tavernelli-fantacoscienza-2016-lo-scafandro/