Fabrizio Tavernelli


Teaser per la campagna di crowdfunding del nuovo album “Infanti” su Musicraiser

Posted in progetti musicali, Nuove, Videodrone (la mia carne in TV), Fabrizio Tavernelli by Taver on the October 25th, 2017

Infanti Carissimi. Il primo giorno di crowdfunding è andato davvero bene. Vi bacio sulla fronte! Dichiarate anche voi il vostro stato di Infante, dichiarate di non essere disponibili all’arruolamento, non siate fanti. Ecco il teaser di presentazione del nuovo album. Riprese ordite da ArtMaker Web Tv grazie a Augusto Ruggiero
https://youtu.be/0HQSuYe3EA8

Il blog di Sentieri Sonori oggi vi presenta (e raccomanda) la campagna di crowdfunding per il nuovo disco di Fabrizio Tavernelli!!

Posted in progetti musicali, Nuove, Fabrizio Tavernelli by Taver on the October 25th, 2017

Fabrizio Tavernelli: crowdfunding per il suo nuovo disco
Questa mattina torniamo a parlare di un musicista che seguiamo e stimiamo da una buona ventina di anni, fin da quando era alla testa degli AFA (Acid Folk Alleanza), band di culto di quell’epoca ricchissima per la musica indipendente italiana che sono stati gli anni ‘90.

A seguire, Fabrizio Tavernelli si è dedicato ad una carriera solista di grandissima qualità, iniziata nel 2010 con Oggetti del desiderio e proseguita tre anni dopo con Volare basso, che avevamo inserito nelle Sentieri Sonori Picks 2013, come il successivo Fantacoscienza in quelle dell’anno scorso.
Lo abbiamo ospitato più volte in trasmissione, in ben due occasioni nel 2016: ad ottobre nei Radioracconti fantascientifici di Raf (qui il podcast), a febbraio per presentare in anteprima assoluta il suo terzo disco (qui il podcast).

Un album di grande valore, che fu sostenuto da una campagna di fundraising di enorme successo, che aveva superato il 180% dell’obiettivo.
E sempre di crowdfunding vogliamo parlarvi anche oggi, per invitarvi a sostenere la sua nuova iniziativa che è stata appena lanciata.

Giusto ieri si è infatti aperta su Musicraiser la campagna per il suo nuovo lavoro, che si intitolerà Infanti e che lo stesso Taver presenta così: “è un disco denso, pieno di domande, visioni, riflessioni, provocazioni e orbiterà intorno ai bambini, al corpo dei bambini sempre più usati per le guerre mediatiche, nelle trincee del social, nella propaganda. In questi anni siamo stati bombardati da immagini oscene, dall’artificio, dal sacrilegio, dalla pornografia dei corpi martoriati dalle bombe fisiche e mentali. Non aspettatevi un disco consolatorio, rassicurante, pacificato. Lo sapete che pesco spesso nelle acque profonde, nel torbido.”

Non abbiamo esitato un istante ad unirci alla campagna, e ci pareva giusto diffondere la notizia, vista la stima che nutriamo nei confronti di questo artista, e la (triste) situazione del mercato discografico italiano (e non solo), che rende questi crowdfunding degli strumenti fondamentali per continuare a produrre lavori di valore.
Potete trovare a questo link tutte le informazioni sul progetto, che non dubitiamo produrrà un altro album di grande spessore: support good independent music!!
https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fsentierisonori.blogspot.com%2F2017%2F10%2Ffabrizio-tavernelli-crowdfunding-per-il.html&h=ATNpYMDtuA8tNCXapf8pfc3fr-uJ8n_n6WXaAYGrCi8Twb1qUyX1N-FfatCW32KMEOZ5jqJboGF1fNShgK_jLyKUPTeHzeUXMFYzFzOyQarEOIXDwWz93T6yJ5VXzwlUTYhtKaBYI1oxoHKuA1uqIk46zA1KWMRBg8kdO_cx17KZ6m168vVUV73–XFYtL7ygwom9tt7N8lXDQlqk9NsB4nkLtE8FQgpov7X_BaYhOitEsz4WEr9R4unOFfQswgjDrxpVJDz19DQTozGYbAiE15C50EIMIUOow

Sei un Infante, non un fante! Unisciti al nuovo album di Fabrizio Tavernelli

Posted in progetti musicali, Nuove, Fabrizio Tavernelli by Taver on the October 25th, 2017

http://www.fabriziotavernelli.com/content/wp-content/uploads/2017/10/IMG_011(!).jpg
Ciao Amiche e Amici, per l’occasione potrei dire dire ciao Infanti!
Questo per dirvi che sono a presentarvi un nuovo progetto, al momento in fase di registrazione. Un nuovo concept che si intitolerà “Infanti”. Per prima cosa voglio ancora una volta ringraziarvi per l’affetto, la condivisione, la curiosità e il sostegno che mi avete dimostrato negli anni. C’è chi mi segue dai tempi degli En Manque D’Autre, chi dagli AFA, chi si è aggiunto con i progetti successivi (Groove Safari, Duozero, Roots Connection, Ajello, IRRS, Babel, Impresa Gottardo…) e chi mi ha scoperto con i dischi solisti. “Oggetti del Desiderio”, “Volare Basso” e “Fantacoscienza” sono stati costruiti insieme a voi, una bellissima esperienza discografica in cui voi siete stati l’azionariato popolare, i produttori.E’ stato un nuovo modo di produrre e confezionare musica e grazie a voi ho ogni volta trovato i motivi, le energie, le utopie per continuare il cammino accidentato e tortuoso della musica. “Infanti” è un disco denso, pieno di domande, visioni, riflessioni, provocazioni e orbiterà intorno ai bambini, al corpo dei bambini sempre più usati per le guerre mediatiche, nelle trincee del social, nella propaganda. In questi anni siamo stati bombardati da immagini oscene, dall’artificio, dal sacrilegio, dalla pornografia dei corpi martoriati dalle bombe fisiche e mentali. Non aspettatevi un disco consolatorio, rassicurante, pacificato. Lo sapete che pesco spesso nelle acque profonde, nel torbido. Anche questa volta mi appoggerò alla piattaforma di crowdfunding Musicraiser. Già da ora è online la campagna per potere partecipare, sostenere e avere il CD con ricompense e pacchetti.
Dichiaratelo : siate Infanti, non Fanti! (foto: Giovanni Magnanini)Qui il link per partecipare
Ciao Amiche e Amici, per l’occasione potrei dire dire ciao Infanti!
Questo per dirvi che sono a presentarvi un nuovo progetto, al momento in fase di registrazione. Un nuovo concept che si intitolerà “Infanti”. Per prima cosa voglio ancora una volta ringraziarvi per l’affetto, la condivisione, la curiosità e il sostegno che mi avete dimostrato negli anni. C’è chi mi segue dai tempi degli En Manque D’Autre, chi dagli AFA, chi si è aggiunto con i progetti successivi (Groove Safari, Duozero, Roots Connection, Ajello, IRRS, Babel, Impresa Gottardo…) e chi mi ha scoperto con i dischi solisti. “Oggetti del Desiderio”, “Volare Basso” e “Fantacoscienza” sono stati costruiti insieme a voi, una bellissima esperienza discografica in cui voi siete stati l’azionariato popolare, i produttori.E’ stato un nuovo modo di produrre e confezionare musica e grazie a voi ho ogni volta trovato i motivi, le energie, le utopie per continuare il cammino accidentato e tortuoso della musica. “Infanti” è un disco denso, pieno di domande, visioni, riflessioni, provocazioni e orbiterà intorno ai bambini, al corpo dei bambini sempre più usati per le guerre mediatiche, nelle trincee del social, nella propaganda. In questi anni siamo stati bombardati da immagini oscene, dall’artificio, dal sacrilegio, dalla pornografia dei corpi martoriati dalle bombe fisiche e mentali. Non aspettatevi un disco consolatorio, rassicurante, pacificato. Lo sapete che pesco spesso nelle acque profonde, nel torbido. Anche questa volta mi appoggerò alla piattaforma di crowdfunding Musicraiser. Già da ora è online la campagna per potere partecipare, sostenere e avere il CD con ricompense e pacchetti.
https://www.musicraiser.com/projects/9120-infanti

Martedì 29 Agosto- Fabrizio Tavernelli ospite a Radio Antenna 1

….alle 15.00 riparte Vertigo - Radio Antenna 1 FM 101.3 e domani allo stesso orario ospite della trasmissione sarà Fabrizio Tavernelli con Fabrizio Tavernelli 1984-2017 ancora con Antenna 1
Streaming https://tunein.com/radio/Radio-Antenna-1-FM-1013-s191543/
https://www.facebook.com/events/2002103596688173/?acontext=%7B%22ref%22%3A%2222%22%2C%22feed_story_type%22%3A%2222%22%2C%22action_history%22%3A%22null%22%7D

Nuovo video “Kolosimo”

Posted in progetti musicali, Nuove, Videodrone (la mia carne in TV), Fabrizio Tavernelli by Taver on the June 23rd, 2017

Allora, il manuale del lancio di nuovi video dice che occorre trovare una anteprima su qualche sito, homepage, blog il più possibilmente seguito. Perlomeno si organizza un evento fb invitando più amici possibile. Roba vecchia e relativa nel mondo della “Fantacoscienza” dove ogni dimensione si sovrappone e il tempo è labile, elastico, confuso. Cirillo Vincenzo è il deus ex machina, il bambino impenitente che ha ordito con il suo ombradipeter movement le riprese, colui che ha deciso che andavano ribaltate consuetudini e meccanismi obsoleti. Lui ci ha bruciati tutti, più veloce della luce, con scatto quantico e passaggio interdimensionale. Io non posso fare altro che lasciarmi trascinare dalla corrente zen, farmi risucchiare dal vortice temporale, sparire in un buco nero e ritrovarmi davanti a dei luminosi esseri umani. Quelli che ho incontrato nel breve tour di Italiart a Dijon. Tutto questo per presentarvi il nuovo video dedicato al Fantarcheologo/Paleoufologo “Peter Kolosimo”. Tutto questo per ringraziare con devozione : Vincenzo Cirillo/ombradipeter Francesca Sebastiani Andrea Mainardi Valeria Cacace Filippo Philippe Quartararo Pascal Burdin Monique Serna, Elsa Guyot Elsa Rachtou ,Celine Durand Pierre Chateau Andrea Guidotti, Penny Law Vinter, Jean Marc Remy, @Philippe Blanc, Petit Théatre Ombrateke (Dijon/France) Marco Santarello Lorenzo Lusvardi Marco Tirelli Alessandro De Nito Sandrine Girardot
https://youtu.be/5Wco_mskh_w
Estratto dall’album “Fantacoscienza” (2016 Lo Scafandro). Una dedica al fantarcheologo e paleoufologo Peter Kolosimo, autore di best-sellers sulle presenze e visite
aliene nell’antichità. Le sue rivelazioni e ipotesi visionarie si intrecciano con un episodio che coinvolge la mia inquietante
Prof. di matematica delle medie, che mi fece conoscere Kolosimo regalandomi il suo libro “Ombre sulle Stelle”. Dopo tanti
anni sto ancora cercando di capire il nesso, le implicazioni esoteriche di questo dono!

Scenario, scene, regia : Vincenzo Cirillo / ombradipeter

Riprese, camera e aiuto regia : Francesca Sebastiani

Montaggio : Andrea Mainardi

con

(Professoressa) Valeria Cacace

(studenti) Filippo Quartararo, Pascal Burdin, Monique Serna, Elsa Guyot

Celine Durand, Pierre Chateau, Andrea Guidotti, Penny Law-Vinter,

Jean-Marc Remy, Philippe Blanc, Vincenzo Cirillo

(lettore) Fabrizio Tavernelli

(Paleoufologia / Fantarcheologia) Peter Kolosimo

Riprese presso : Petit Théatre Ombrateke (Dijon/France)

by Ombradipeter Movement

2017 Lo Scafandro
https://www.youtube.com/attribution_link?a=kV6SVZMYW5E&u=%2Fwatch%3Fv%3D5Wco_mskh_w%26feature%3Dshare

Recensione “Fantacoscienza” su JustKidsmagazine

Posted in progetti musicali, recensioni, Nuove, Fabrizio Tavernelli by Taver on the June 23rd, 2017

Dopo più di un anno dalla sua uscita escono ancora recensioni di “Fantacoscienza”. Questa ultima di Gustavo Tagliaferri è poi particolarmente dettagliata, competente, empatica, profonda, direi (psico)analitica. Rivela un ascolto e un codice di ingresso per muoversi dentro l’album e dentro se stessi. Un viaggio nello spazio che in verità è tutto interiore. Un viaggio e un percorso lungo e difficile il mio ma che mi regala piccoli colpi al cuore. Grazie Gustavo ! Se volete aggiungervi al viaggio ricordo che l’album è ancora disponibile : distribuzione nazionale Audioglobe, in rete su Amazon, Deezer, Spotify, iTunes. Nei negozi (Tosi Dischi Reggio, Bar46 e Ponti Musica Novellara, il Cercalibro Modena, Aleph Carpi, Libreria Moby Dick e Muzik Station Correggio). Naturalmente anche direttamente dal sottoscritto (scrivetemi nella camera di deprivazione sensoriale di Messenger).
“Ancora una volta, le JustKidsate del giovedì.
Una penna d’autore, ma anche dalla caratura rock, se non occhieggiante ad una concezione di pop oggigiorno non particolarmente in voga. Un cane sciolto, uno dei tanti da non sottovalutare emersi nei decenni recenti, pur con un anno e poco più di distanza dall’uscita in esame. Già deus ex machina degli immensi Acid Folk Alleanza, Fabrizio Tavernelli, anche ad un anno di distanza, con la sua “Fantacoscienza” colpisce pienamente nel segno, coadiuvando sonorità rilassate ed affascinanti (la titletrack, “Infinite Combinazioni”) a tritoli sonori man mano sempre più incisivi (”Fauni”, “Distorta Gestalt”), ma non si esime dal tentare l’impossibile dagli espedienti apparentemente banali, eppure funzionanti (”Antroapologia”, “Il Tradimento”, “Flauto Dolce”). Qualcuno, altrove, lo ha definito un cantaUFOre. Torto non ha: Tavernelli, anche da solista, merita molta più considerazione.”
http://www.justkidsmagazine.it/2017/06/22/recensione-fabrizio-tavernelli-fantacoscienza-2016-lo-scafandro/

Fabrizio Tavernelli live acustic-Lunedì 26 Giugno-Minibar Correggio

Lunedì 26 Giugno al Minibar ore 21,30 . Dagli AFA agli album da solista, dai Fossili alla Fantacoscienza. Un percorso minimale per due voci e due chitarre. Acustico, crudo, essenziale, nudo, spoglio, per sottrazione, intimo, segreto, confidenziale, crooner, sussurrato, preliminare, petting, ovattato, dilatato, silenzioso. (feat. Marco Santarello)
https://www.facebook.com/events/359416794460409/?acontext=%7B%22ref%22%3A%2222%22%2C%22feed_story_type%22%3A%2222%22%2C%22action_history%22%3A%22null%22%7D

http://www.fabriziotavernelli.com/content/wp-content/uploads/2017/06/nmini.thumbnail.jpg

Fabrizio Tavernelli Complesso - Festa del Racconto - Carpi

http://www.fabriziotavernelli.com/content/wp-content/uploads/2017/05/Fabrizio-Tavernelli-_-Fantacoscienza-_-rgb_-low.thumbnail.jpg

Festa del Racconto con 2 live set da 30 minuti l’uno sabato 27 maggio alle ore 17.00 e ore 19.00 e domenica 28 con un liveset da 40 minuti alle ore 18 in via Paolo Guaitoli piazza Martiri a Carpi

Il minilive è inserito in un percorso che si snoderà lungo il porticato e avrà come tema la città, i luoghi, le architetture come riflessi di storie. I brani saranno incentrati sulla metropoli e sulle sue visioni, mutazioni, derive. Metropoli immaginate, Metropoli diffuse, sprawl, disastri psicourbanistici, ponti di Calatrava, Città Invisibili, punti luce dallo spazio.

#FabrizioTavernelli: è fondatore dei gruppi musicali En Manque D’Autre e AFA / Acid Folk Alleanza, che tra gli anni Ottanta e Novanta sono tra le band più originali e interessanti del periodo. Il suo ultimo apprezzato lavoro da solista è Fantacoscienza (2016), album “composto di dolcezze siderali e cattiverie abissali, un altro viaggio nell’altrove, nei luoghi inesplorati dell’animo, nella nostra coscienza”.
#festadelracconto17 #costruiremondi #seguiilcoloreblu

https://www.facebook.com/profile.php?id=1297903286945993&ref=ts&fref=ts

https://www.facebook.com/festa.delracconto/?ref=ts&fref=ts

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

clock

27 maggio – 28 maggio
Dal 27 maggio alle 17:00 al 28 maggio alle 18:00
pin

Mostra mappa
Via Paolo Guaitoli, 41012 Carpi MO, Italia

Sabato 28 Aprile - Fabrizio Tavernelli Complesso live @ Ribalta (Vignola-MO)

https://www.facebook.com/circolo.arci.ribalta/photos/gm.1487307827946770/1617173208312222/?type=3

Ribalta(R)esistente
“Vi ricordate quel 28 Aprile?”
Lo Scafandro presenta:
Fabrizio Tavernelli Complesso e RadioAlice
.
Contributo iniziativa 5 € con Tessera Arci.

In collaborazione con Anpi Vignola.

Il Manifesto della “Fantacoscienza” (prendetevi tempi di viaggio intergalattico che possa prevedere il succedersi di generazioni per giungere lontani milioni di anni luce) >
“Nata tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta, la Fantacoscienza ha cercato un contatto dimensionale tra lo spazio esterno e lo spazio interiore della coscienza. Il neologismo appartiene al critico cinematografico Callisto Cosulich. Una fusione tra macrocosmo e microcosmo, tra Cosmo e Subconscio.
2001 Odissea nello Spazio, Solaris di Tarkovsij sono tra i primi esempi nel cinema, i libri di Philip K. Dick, Ballard, Vonnegut nella letteratura. Visioni che hanno dato vita alla fantascienza interiore, a diversi piani di realtà intersecanti, a visioni distopiche. Come viaggi nello spazio dove si incontrano civiltà aliene progredite, pacifiche, curiose, oppure razze ostili, predatrici, oscure.
Così viaggiando dentro se stessi, inoltrandosi nel proprio spazio interiore possiamo scoprire splendide galassie di sentimenti, dolcezze infinite, malinconie che si intrecciano come orbite intorno al nostro intimo. Allo stesso modo l’esplorazione che si fa più profonda e sconosciuta, che sconfina in universi paralleli può farci sprofondare in buchi neri, tra le inquietudini della deriva esistenziale, tra le paure ataviche, l’insoluto, il terrore di noi stessi, cose, pensieri, mondi indicibili, che ci fanno paura pur essendosi generati dalla nostra stessa polvere cosmica.
Fantacoscienza è un nuovo disco composto di dolcezze siderali e cattiverie abissali, un altro viaggio nell’altrove, un altro viaggio che segue la scia chimica di “Nomade Psichico” (album del 1996 degli AFA) e “Volare Basso” (secondo album a mio nome del 2012), un altro viaggio nei luoghi inesplorati dell’animo, della nostra coscienza. Un po’ come chiedersi:”C’è vita su Marte?” o meglio “C’è traccia di coscienza dentro di me?”. Forse non abbiamo nemmeno il tempo per porci queste domande, perchè una volta caduti su questo pianeta bellicoso e farneticante, non siamo capaci di studiarci ma guardiamo gli altri, il nostro io-altro, come fossimo antropologi che studiano i rituali, le strutture sociali e il corrompersi dell’innocenza umana. E’ forse dal tradimento che passa il riconoscimento dei simili, fossero anche amici caotici, anarchici, sufisti, intossicati d’immenso. Amici e figure singolari, misteriose, dotate di coscienza altra, esoterica: il fantarcheologo paleo-ufologo Peter Kolosimo, l’inventore del Raggio della Morte Franco Marconi e intorno baccanali di Fauni, giochi circensi, distorsioni della percezione, della Gestalt. Angosce che affiorano da oceani personali, proiezioni della memoria e dell’inconscio, tra enigmi e ipnosi.
Noi intanto stiamo approntando le fondamenta delle nostre case con razzi d’astronave pronti a portarci verso altri mondi lontani, verso altri pianeti proibiti. Per capire fino dove arrivare, per sapere cosa resta alla fine. Per cercare nell’universo in espansione la nostra coscienza.
La somma raccolta nei due mesi terrestri servirà a stampare il documento sonoro in formato Compact (hyperlaser) Disc, assoldare un ufficio stampa distopico per divulgare nel cosmo l’opera di Fantacoscienza.
Ogni Raiser di sesso femminile, maschile, ermafodita, transgender, di razza umana o aliena, avrà il suo nome impresso sul reperto sonoro.
Questo permetterà a tutti i partecipanti di scoprire il proprio spazio interiore. Tutti saranno considerati sostenitori di questo viaggio verso un altrove sconosciuto, ciascuno con i propri mezzi e con i propri doni orbiterà in questa fratellanza universal

circoloribalta@gmail.com
https://soundcloud.com/radio-ribalta
http://www.youtube.com/user/CircoloRibalta
https://www.facebook.com/pages/Circolo-Arci-Ribalta/170700772959480

Next Page »